SCARICARE TARANTELLA CALABRESE

La tarantella calabrese o tirantella più raramente taranteja , anticamente chiamata u sonu è un termine generico che racchiude le diverse espressioni coreutico-musicali diffuse nella penisola calabrese, con tratti che la rendono distinguibile dalle altre del Sud Italia, specie nel ritmo. Un passo particolare è il soprappasso o “intricciata” dove appunto i passi vengono intrecciati battendo un piede all’esterno dell’altro in maniera alternativa [3]. Cosma e Damiano Riace , su youtube. La rota è sempre una sola, là dove c’è il suono, e non si balla al di fuori di essa ma si partecipa alla festa insieme: In Calabria il ballo tradizionale inizia a perdere la sua funzionalità sociale già nel ‘, persistendo solo in alcune aree, per esempio, per quanto riguarda l’Aspromonte nella Valle di Sant’Agata [7] , intorno a Cardeto [8] , in altre zone in provincia di Reggio soprattutto sul versante jonico, dove la danza in pubblico resiste in occasione di festività religiose [9] [10] [11] , o in diversi centri del Pollino [12] , [13] dove spesso si è mantenuto il significato e la funzione che la danza aveva in passato in seno ad una comunità. Il simbolismo che si cela dietro i passi della danza è diverso a seconda se all’interno della “rota” si trovano astanti dello stesso sesso o di sesso diverso [3].

Nome: tarantella calabrese
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 21.31 MBytes

La zampognasostituita in seguito dall’ organetto[4] accompagnata da un tamburelloin alcune zone si usavano la pipita o i fischiottamentre nella zona della locride e del monte Poro si usava la lira calabrese. U mastru i ballu maestro di ballo si pone al servizio dei danzatori e dei suonatori e decide l’ordine con cui i componenti della rota possono ballare gestendone i turni. La viddaneddha è dunque il ballo reggino per antonomasia e secondo la tradizione ogni festa si conclude con musica e danza. Le occasioni pubbliche di ballo, a detta degli ultimi suonatori tradizionali viventi, rappresentavano una delle poche occasioni di contatto diretto tra persone di sesso differente non appartenenti alla stessa cerchia familiare. In essa sono assenti i riferimenti agli esorcismi del tarantismoma assume più un ruolo di danza per le occasioni festive o religioso-processionali [1].

In altri progetti Wikimedia Commons.

tarantella calabrese

In molte zone della Calabria si balla senza mai prendersi per mano o ballando spalla a spalla, cosa che comunque restava riservata alle coppie di coniugi o tra parenti stretti.

Il baricentro è all’altezza della cintura ed il corpo è sempre in posizione taranhella. Una volta allacciata la coppia comincia a girare in senso antiorario eseguendo dei cerchi in cui la donna cerca di mantenere taranteola il centro della rota.

  48248 LOVE DA SCARICA

U mastru i ballu è nelle feste private il padrone calabrdse casa e nelle occasioni pubbliche ballo di piazza una persona che conosce le dinamiche della comunità, saprà quindi far ballare in coppia persone che anche durante le attività quotidiane sono amiche, evitandole persone che fra di loro hanno dissapori.

U mastru i ballu maestro di ballo si pone al servizio dei danzatori e dei suonatori e decide l’ordine con cui i componenti della rota possono ballare gestendone i turni.

Le occasioni in cui questa danza tipica veniva messa in atto sono sempre state svariate, dalle festività religiose a quelle familiari, come matrimoni o nascite, fino ad arrivare a quelle agresti, come ad esempio vendemmie o tosature delle pecore.

Menu di navigazione

Cosma e Damiano Riacesu youtube. Vedi le condizioni d’uso per i dettagli. Lo Stirpe di Frosinone modello per il Granillo 2. Il make up artist reggino Dario Caminiti conquista Montecarlo. I cookie necessari aiutano a rendere un sito Calbrese utilizzabile abilitando funzioni di base come la navigazione della pagina e tzrantella alle aree protette del sito web.

tarantella calabrese

Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Generalmente all’inizio del ballo i due ballerini sono a distanza, man mano l’uomo si avvicina fino ad arrivare a tagantella le mani” alla donna, porgendogliele con il palmo verso l’alto, per il ballo intrecciato.

Il simbolismo rappresentato dalla rota sta a significare il territorio di appartenenza: Non sono accettati movimenti ben codificati in maniera simile al ballu sardu ed al sirtaki anch’essi di origine greca [3].

Tarantella calabrese

La danza greca è “danza di terra”, possiede movimenti ispirati a esigenze mimici e portati ad una libertà gestuale. URL consultato il 5 maggio La tarantella calabrese o tirantella più raramente tarantejaanticamente chiamata u sonu è un termine generico che racchiude le diverse espressioni calabresee diffuse nella penisola calabrese, con tratti che la rendono distinguibile traantella altre del Sud Italia, specie nel ritmo.

La viddaneddha è dunque il ballo reggino per antonomasia e secondo la caalabrese ogni festa si conclude con cqlabrese e danza. Errori del modulo citazione – codice ISBN errato Voci con modulo citazione e parametro pagine Pagine con collegamenti non funzionanti. Il simbolismo che si cela dietro i passi della danza è diverso a seconda se all’interno della “rota” si trovano astanti dello stesso sesso o di sesso diverso [3].

  SCARICARE CODEC ID CODEC

Il tagghjapassu è usato dalla donna per sfuggire al corteggiamento dell’astante [3]. URL consultato il 28 novembre In Calabria il ballo tradizionale inizia a perdere la sua funzionalità sociale già nel ‘, persistendo solo in alcune aree, per esempio, per quanto riguarda l’Aspromonte nella Valle di Sant’Agata [7]intorno a Cardeto [8]in altre zone in provincia di Reggio soprattutto sul versante jonico, dove la danza in pubblico resiste in occasione di festività religiose [9] [10] [11]o in diversi centri del Pollino [12][13] dove taranteloa si è mantenuto il significato e la funzione che la danza aveva in passato in seno ad una comunità.

Tarantella calabrese – Wikipedia

Aclabrese su domenica, calabrexe marzo dom, 17 Mar. Un altro passo è il passo “illi adornu” che si esegue quando si è al bordo del cerchio mimando il volo di un uccello che cerca di incantare caabrese preda per poi ghermirla e dirigendo a calabrrese con l’intento di portare l’altro ballerino verso il centro della “rota”.

Questa scelta avveniva mostrando un gesto gentile, nobile, ma diretto, porgendo un lieve inchino nei confronti di chi doveva unirsi alle danze. Nel ballo uomo-uomo o donna-donna ci si poteva prendere dalle braccia. Estratto da ” https: Gli strumenti caratteristici della tradizione calabrese sono: La tarantella danzata in singole coppie come la tarantella calabrese avrebbe origine nella danza greca, differenziandosi dalla napoletana che è di origine settecentesche e deriva dalle danze latine medievali e si discosta anche dal fenomeno del tarantismo in quanto espressione di rituali simbolici dall’alto contenuto culturale anziché mimare le convulsioni generate dal morso di una tarantola.

Tarantella calabrese, le origini del ballo tipico

Nel vibonese, la danza pubblica era, fino ad alcuni decenni fa, riservata agli uomini. URL consultato il 3 ottobre Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Un ramo secco, è già morta” Reggio, Abodi e Gallo: